2° Incontro tecnici e professionisti Piano Strutturale e Piano Operativo

 

 


2° incontro con i tecnici

Il GARANTE DELL’INFORMAZIONE E DELLA PARTECIPAZIONE

Considerato che la vigente normativa regionale in materia  di Urbanistica prevede la partecipazione attiva dei cittadini come entità propositive al fine di delineare, in maniera condivisa, l’attività di formazione del nuovo Piano Strutturale e del Piano Operativo

INFORMA

Che, in seguito all’incontro svoltosi lo scorso giovedì  1 febbraio 2018 presso la Sala Consiliare del Comune e preso atto delle richieste  di alcuni tecnici,  viene organizzato un nuovo incontro con i professionisti e quindi

INVITA

I TECNICI E PROFESSIONISTI INTERESSATI ad un incontro finalizzato ad evidenziare le criticità riscontrate nell’applicazione delle norme del Regolamento Urbanistico ed a proporre eventuali miglioramenti, correzioni e semplificazioni per il giorno LUNEDI’ 12 FEBBRAIO
ORE 15.00 SALA CONSILIARE DEL COMUNE

Per informazioni contattare il Garante dell’informazione e partecipazione Dott.ssa Claudia Bruschettini 055/8256335 – c.bruschettini@comune.san-casciano-val-di-pesa.fi.it  oppure il Responsabile di Procedimento Arch. Barbara Ronchi 055/8256337.


Claudia Bruschettini


Il SINDACO

INFORMA

che l’Amministrazione Comunale ha intenzione di avviare a breve il procedimento di formazione dei nuovi strumenti di pianificazione comunale (Piano Strutturale e Piano Operativo) nel rispetto di quanto disciplinato dalla LR 65/2014 e del PIT regionale con valenza di Piano Paesaggistico.
In data 01/08/2017 sono decorsi cinque anni dall’efficacia del vigente R.U.C. e, fatta eccezione per le varianti per le quali non si è ancora esaurito il quinquennio, si è determinata la decadenza delle previsioni relative alla disciplina delle trasformazioni degli assetti insediativi infrastrutturali ed edilizi del territorio contenuti nel Regolamento Urbanistico.
La nuova legge regionale in materia di governo del territorio ( L.R. 65/2014 e s.m.) individua quale atto di pianificazione urbanistica il Piano Operativo, variandone la denominazione da Regolamento Urbanistico, e conferma il Piano Strutturale quale atto di pianificazione territoriale.
Il lavoro già svolto sulla variante tematica al Piano Strutturale recentemente approvata, dal punto di vista geologico, geomorfologico, idraulico, idrologico e sismico, è completo. Tuttavia la variante non comprendeva la conformazione di tutto il Piano Strutturale al PIT con valenza di Piano Paesaggistico regionale e non aggiornava il piano a tutti i contenuti richiesti dalla LR 65/20014 e s.m.i. Per questo, nel rispetto dei termini dati dall’art. 222 della stessa legge regionale, è necessario procedere ad variante generale al Piano Strutturale la quale, dovendo conformare l’intero PS al PIT/PPR ed alla LR 65/2014, costituisce un nuovo Piano Strutturale a tutti gli effetti.
Ai sensi dell’art. 95 della LR 65/2014 e s.m.i il Piano Operativo, in conformità con il Piano Strutturale, disciplina l’attività urbanistica edilizia del territorio comunale e, come il RUC, si compone di due parti:
a) Disciplina per la gestione degli insediamenti esistenti, valida a tempo indeterminato;
b) Disciplina delle trasformazioni degli assetti insediativi, infrastrutturali ed edilizi del territorio con valenza quinquennale;
Nel corso del quinquennio trascorso sono pervenute a questa Amministrazione istanze di variante al Regolamento Urbanistico sia riguardanti la disciplina per la gestione degli insediamenti esistenti (tuttora vigente) sia per le previsioni di trasformazione ad oggi scadute.
In merito alla disciplina degli insediamenti esistenti, ricordato l’importante lavoro svolto con il RUC ai fini dell’elaborazione ed aggiornamento del quadro conoscitivo dei centri urbani e del patrimonio edilizio esistente in territorio aperto, l’Amministrazione ritiene che il nuovo Piano Operativo debba svolgere un lavoro di aggiornamento, rilettura e riscrittura nel rispetto di quanto disciplinato dalla LR 65/2014 s.m.i e dal PIT/PPR senza necessariamente reimpostare completamente il lavoro già fatto.

In merito alla disciplina delle trasformazioni degli assetti insediativi ed infrastrutturali con valenza quinquennale, l’Amministrazione ritiene necessario effettuare un monitoraggio per capire quali possono essere le criticità procedurali ed operative riscontrate nell’applicazione del RUC.


Per quanto sopra esposto


INVITA I TECNICI E PROFESSIONISTI CHE LAVORANO SUL TERRITORIO
ad un incontro finalizzato ad evidenziare le criticità riscontrate nell’applicazione delle norme del Regolamento Urbanistico ed a proporre eventuali miglioramenti, correzioni e semplificazioni.
GIOVEDI’ 1 FEBBRAIO
ORE 18.30
SALA CONSILIARE DEL COMUNE

Per conferma ed informazioni contattare il Garante dell’informazione e partecipazione Dott.ssa Claudia Bruschettini 055/8256335 – c.bruschettini@comune.san-casciano-val-dipesa.fi.it , oppure il Responsabile di Procedimento Arch. Barbara Ronchi 055/8256337.