Sei qui: Home Formazione lavoro Rifiuti Smaltimento eternit

Smaltimento eternit

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

SMALTIMENTO ETERNIT

 

Il manufatto deve tassativamente provenire da una abitazione civile o da locali annessi alla stessa (giardini, cantine, soffitte, box auto) e la stessa abitazione deve essere regolarmente iscritta a TIA/TARSU. Tutta la documentazione rilasciata ed utilizzata (bollettino ccp, modulistica) sarà intestata all’Utente TIA/TARSU e collegata all’Utenza dalla quale si dichiara proveniente il rifiuto.

Il quantitativo massimo consentito è di 100 kg ad Utenza suddiviso in 3 conferimenti ognuno dei quali non deve superare i 33 kg; questo limite è necessario per garantire la trasportabilità del collo in quanto l’Utente deve autonomamente provvedere al carico ed allo scarico del materiale dalla propria auto senza l’ausilio di mezzi meccanici. Si precisa che oggetti o manufatti di peso superiore non possono in alcun modo essere frazionati fra più produttori anche se ubicati all’interno di strutture, aree o spazi condominiali.

L’acquisto del/dei kit è obbligatorio per varie ragioni; in primo luogo è necessario per garantire la correttezza del confezionamento dei materiali al fine di evitare la dispersione nell’ambiente delle fibre di amianto; in secondo luogo è fondamentale per rispettare le prescrizioni autorizzative degli impianti di stoccaggio provvisorio di Quadrifoglio, degli impianti di smaltimento finale e per le fasi di trasporto affinché questi rifiuti non siano nuovamente sottoposti a manipolazione; infine il kit contiene tutto il materiale necessario (compreso un manuale di istruzioni) per consentire all’Utente di effettuare l’operazione di confezionamento nel pieno rispetto delle norme sulla sicurezza.

Nel caso in cui un solo sacco non sia sufficiente è possibile acquistare contestualmente al kit fino ad un massimo di altri due big bag.

L’intervento di rimozione e di confezionamento DEVE essere effettuato autonomamente dall’Utente senza l’ausilio di ditte terze (edili, artigiani, servizi o altro) ed il trasporto DEVE essere effettuato con un auto di proprietà dell’Utente.

Nel caso in cui i quantitativi stimati siano superiori ai 100 kg o le operazioni di smontaggio richiedano ponteggi o attrezzature specifiche è necessario rivolgersi ad aziende specializzate ed autorizzate per le bonifiche amianto. In questo caso sarà la ditta incaricata ad occuparsi di tutte le fasi documentali ed operative (piano di sicurezza, presentazione alla ASL competente, smontaggio, confezionamento, trasporto e smaltimento finale). La voce da utilizzare per la ricerca è “amianto – bonifica e smantellamento”. Non è possibile comunque affidare il servizio ad una ditta terza (anche se autorizzata) ed utilizzare contemporaneamente la procedura Quadrifoglio (anche parzialmente).

Non rientrano inoltre in tale procedura i manufatti, anche se di peso complessivo inferire ai 100 kg, oggetto di ordinanze o ingiunzioni di rimozione da parte degli enti competenti o che richiedano la redazione di relazioni da parte di tecnici abilitati o di specifici piani di sicurezza per la rimozione. Anche in tali casi è fatto obbligo al cittadino di rivolgersi ad aziende opportunamente autorizzate.

 

Il kit per il momento può essere ritirato SU PRENOTAZIONE da effettuarsi al NUMERO VERDE 800 330011 presso la sede di Via Bibbiena 13 a Firenze il martedì ed il giovedì dalle 14.30 alle 17.30  i progetti di Quadrifoglio prevedono comunque l’apertura a breve di altri punti di consegna più vicini ai comuni della Piana Fiorentina e del Chianti.

 

Il conferimento del materiale può essere effettuato presso la stazione ecologica di San Donnino in Via di San Donnino 42 a Firenze (di fianco all' impianto dell'ex inceneritore) o alla stazione ecologica di Via Charta 77 a Scandicci negli orari di apertura al pubblico.

 

Al momento della consegna del kit sarà consegnato all’Utente un modulo in due copie di cui una da inserire nell’apposita finestra del sacco (big-bag); una copia verrà ritirata dall’addetto alla stazione ecologica al momento del conferimento mentre la seconda sarà timbrata e firmata dallo stesso addetto e rilasciata all’Utente.

 

NORMATIVA

decreto legislativo n. 152/2006 e ss.mm.ii.

 

Contatti:

Ufficio Edilizia produttiva, ambiente e edilizia sostenibile

Quadrifoglio 

Letto 2998 volte Ultima modifica il 03 Dic 2013