Informazioni

Dal 15 aprile 2010 è in vigore in Toscana una disciplina semplificata: il regolamento regionale 35/R/2010 ha apportato modifiche al precedente regolamento  emanato con D.P.G.R. 3 agosto 2004, n° 46/R (Regolamento di attuazione della Legge Regionale 23.06.2003 n.30 “disciplina delle attività agrituristiche in Toscana") e di conseguenza è divenuta efficace la modifica della normativa regionale in materia.

Principali novità dopo le modifiche:

 -  art. 7 L.R.30/2003 -  Criteri e modalità per la verifica del rapporto di principalità: l’imprenditore dovrà dimostrare la principalità attraverso la compilazione di apposita relazione,  sotto forma di AUTODICHIARAZIONE, nell’ambito della dichiarazione unica aziendale (DUA), tramite il sistema informatizzato dell’anagrafe regionale delle aziende agricole (ARTEA)
 -  art. 8 L.R. 30/2003 - Esercizio dell’attività agrituristica: è stata introdotta la D.I.A. ad efficacia immediata, ai sensi dell’art. 19 della l. 241/90, quale titolo abilitativo, da presentarsi al comune dove è situata l’UTE
 -  art.15 L.R. 30/2003 Somministrazione di pasti, alimenti e bevande, degustazione e assaggi, organizzazione eventi: gli alimenti da somministrare possono essere esclusivamente prodotti aziendali, di aziende agricole locali, nonché prodotti di origine o certificati toscani (DOP, IGP, agriqualità, biologici, prodotti agricoli tradizionali e vini a denominazione d'origine).

Pertanto occorre fare attenzione alla provenienza dei prodotti e alla loro tipicità che dovrà essere  prettamente toscana, anche per la somministrazione delle colazioni

 -  art. 13bis  del Regolamento Regionale 46/R/2004: per la somministrazione di alimenti in genere, l'imprenditore o un addetto incaricato alla somministrazione devono possedere almeno uno dei requisiti professionali elencati
 -  art. 17 del Regolamento Regionale 46/R/2004: per l'idoneità dei locali per la preparazione e somministrazione di pasti, alimenti e bevande è importante il numero dei posti tavola, sotto o sopra il numero di dodici  posti. Occorre infine presentare, contestualmente alla pratica di avvio attività, anche dia notifica igienico sanitaria ai sensi del reg. CE 852/2004 (vedere scheda  Igiene all'interno dell'area dello Sportello Unico delle Attività Produttive)
 

Normativa di riferimento

- L.R. 30/2003

- DPGR 46/R/2004 - Attività agrituristiche in Toscana

- Regolamento Regionale 35/R/2010

Riferimenti e contatti

Ufficio
Sviluppo Economico e Turismo
Responsabile
Nicoletta Francioni
Indirizzo
Via del Cassero 19 - piano terra - 50026 San Casciano in Val di Pesa
Fax
055 8256332
E-mail
n.francioni@comune.san-casciano-val-di-pesa.fi.it
Orario di apertura
lunedì e giovedi' ore 9.00-12.00 e 16.00-18.00

FEEDBACK

 

Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

 

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *