Descrizione

L'attestazione di idoneità alloggiativa rilasciata dal Comune è il documento richiesto dalla legge per attestare le caratteristiche e la capacità di accoglienza dell'alloggio di residenza del cittadino extracomunitario.

Tale attestazione certifica il numero di abitanti che un alloggio può contenere nel rispetto dei parametri igienici e dimensionali dati dal D.M. del 05.07.1975.

Modalità di richiesta

Per ottenere l'attestazione di idoneità alloggiativa occorre compilare il modulo di domanda disponibile presso l'U.R.P. e presentarlo al Protocollo del Comune.

 

La domanda, in marca da bollo deve essere indirizzata al Responsabile del Servizio Urbanistica ed Edilizia del Comune e ad essa vanno allegati obbligatoriamente tutti i seguenti documenti:

 

  1. Attestazione di avvenuto pagamento dei diritti di segreteria;

     

  2. Ulteriore marca da bollo da apporre sull’attestazione al momento del rilascio;

     

  3. Planimetria catastale (solo ed esclusivamente catastale) in scala 1:200 sulla quale in ogni vano dovranno comunque essere riportati i seguenti dati in modo chiaro e leggibile:

    -   la destinazione (camera, cucina, soggiorno, disimpegno, wc, ecc. )

  • la superficie utile espressa in metri quadri;

  • l’altezza interna espressa in metri (l’altezza interna massima e minima nel caso di locali con soffitto inclinato);

  • le dimensioni delle finestre espresse in metri;

  • la lunghezza in metri di almeno due lati del vano.

     

  1. Dichiarazione sostitutiva di atto notorio del Proprietario dell’unità immobiliare abitativa (alloggio) ai sensi del DPR 445/2000 smi (allegato 1) completa di copia del documento di identità in corso di validità del dichiarante, che attesti esplicitamente:

    - la proprietà dell’unità immobiliare abitativa (alloggio) esplicitandone i riferimenti catastali (foglio, particella e subalterno);

    - la conformità della planimetria catastale prodotta allo stato attuale dell’unità immobiliare.

 

  1. Copia del documento di identità in corso di validità del Richiedente

     

    Inoltre nella domanda dovranno essere indicati i dati relativi all’abitabilità dell’immobile qualora disponibili; diversamente se l’abitabilità relativa all’immobile non è mai stata rilasciata, né è mai stata depositata attestazione di abitabilità da professionista abilitato, si dovrà allegare obbligatoriamente una dichiarazione sostitutiva di atto notorio (utilizzare in questo caso l’allegato 2 del modulo) di conformità dei parametri igienico-sanitari a firma del proprietario dell’unità immobiliare e/o dichiarazione asseverata di professionista abilitato (tale dichiarazione ha valenza esclusivamente finalizzata a questo tipo di pratica).

     

     

    Chi può richiedere l'attestazione

     

    L'attestazione di idoneità dell'alloggio deve essere richiesta contestualmente (a firma del richiedente e del proprietario, se distinti) dai seguenti soggetti:

     

  • Proprietario/comproprietario dell'alloggio e affittuario/comodatario/ospite dell’alloggio

****************

 

L'attestazione viene rilasciata dal Servizio Urbanistica ed Edilizia, entro 30 giorni dalla presentazione della domanda all'Ufficio Protocollo, previa verifica della completezza della documentazione richiesta.

Validità attestazione
6 mesi dalla data di emissione
 

Documentazione da presentare

Documentazione
 
Il richiedente deve presentare la domanda all'Ufficio Protocollo del Comune utilizzando l'apposito modello completo di marca da bollo e con l’attestazione dell’avvenuto pagamento dei diritti di segreteria, allegando tutta la documentazione obbligatoria indicata.
Una incompletezza della documentazione causerà l’interruzione del procedimento per richiesta di documentazione e l’allungamento del procedimento.

Informazioni

L'attestazione di idoneità alloggiativa serve per ottenere:

  1. permesso di soggiorno per motivi familiari (come previsto dall’art. 30, comma 3 del D.Lgs. 286/1998 smi);

  2. nulla osta al ricongiungimento familiare (come previsto dall’art. 29, comma 3, lett. a) del D.Lgs. 286/1998 smi);

  3. rilascio di carta di soggiorno CE (come previsto dall’art. 16, comma 4, lett. b) del DPR 394/1999 smi);

  4. contratto di soggiorno per lavoro subordinato (come previsto dall’art. 5bis, comma 1, lett. a) del D.Lgs. 286/1998 smi);

Riferimenti e contatti

Ufficio
Servizio Urbanistica ed Edilizia
Referente
Sandra Anichini
E-mail
s.anichini@comune.san-casciano-val-di-pesa.fi.it

FEEDBACK

 

Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

 

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *