Costi

A norma  dell’art. 87  del Regolamento di Esecuzione T.U. Leggi di Pubblica Sicurezza,  approvato con R.D.  6 maggio 1940 n.  635, il rilascio  del parere da parte della  Commissione Tecnica Provinciale Materie Esplodenti comporta  il pagamento  del gettone di presenza ai  membri partecipanti. L’importo viene quantificato  di volta in volta da parte  della Commissione Provinciale suddetta.

Informazioni

Quando si vuole realizzare uno spettacolo pirotecnico, per festa privata o per feste pubbliche, l'organizzatore deve richiedere al Sindaco, quale autorità di pubblica sicurezza, il rilascio della licenza.

 

Per rilasciare tale licenza il Sindaco deve richiede il parere di fattibilità alla Commissione Tecnica Provinciale per materie Esplodenti, ai sensi dell'art. 49 del Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza; il parere sarà espresso in base alla documentazione prodotta dall'interessato.

 

In tal caso la documentazione prodotta dall'interessato, e da questo sottoscritta, deve essere presentata almeno 30 giorni prima della realizzazione dello spettacolo pirotecnico.

 

In particolare ad ogni richiesta di autorizzazione di accensione fuochi di artificio deve essere allegato:

  • un documento di identità del dichiarante
  • planimetria del sito in scala 1:500 ( luogo di sparo) una in scala 1:2000 ( area circostante) vanno indicate con colori diversi la zona da sparo , l'area di ricaduta e l'area di sicurezza
  • relazione tecnica sullo stato dei luoghi che dovrà chiarire gli aspetti geomorfologici (piano, pendio, bosco, area coltivata, ecc.) sia del terreno che delle vie di accesso e di esodo (sterrato, asfalto, carrabile, pedonale, ecc.)
  • documentazione fotografica del punto di sparo e della zona limitrofa
  • dichiarazione che i materiali impiegati per l'accensione sono conformi alle disposizioni di legge e regolamenti vigenti in materia particolarmente per quanto attiene la perfetta conservazione ed efficienza degli stessi
  • elenco degli artifici che si intendono accendere , loro quantitativo, tipologia , calibro, caratteristiche (cilindrici o sferici), mezzi di accensione, (miccia,elettrico,radiocomando)
  • se gli artifici sono prodotti in proprio dal pirotecnico, dichiarazione che per la fabbricazione dei suddetti non sono stati impiegati prodotti vietati (clorati,picrati ecc.); viceversa se gli artificio sono di produzione commerciale, dovranno essere dichiarati gli estremi di classificazione ministeriale
  • organizzazione del servizio antincendio e di soccorso pubblico , con l'indicazione dei mezzi e del personale che si intende impiegare
  • per le aziende soggette al D.Lsg. 626/94 e successive modifiche, copia del documento di valutazione del rischio relativamente alle operazioni riguardanti l'accensione dei fuochi
  • per le accensioni programmate nel periodo di divieto  accensioni,  indicato dall'ordinanza che il Dipartimento Sviluppo Economico - Servizio Foreste e Patrimonio Agroforestale della Regione Toscana emette ogni anno in ottemperanza al Piano Regionale di Prevenzione Incendi Boschivi, l’organizzatore  dei fuochi di artificio dovrà richiedere  il parere  in deroga alla  Provincia di Firenze- Dipartimento del Territorio e Programmazione  - Direzione Agricoltura e Pesca
  • per la realizzazione dei fuochi di artificio in feste private, poiché in genere il quantitativo di artifizi utilizzati è ridotto (sotto i 40 Kg.) come è ridotta l'affluenza del pubblico prevista, la Commissione Tecnica Provinciale Materie Esplodenti potrà esprimere il parere solo sulla base dell'esame della documentazione inoltrata senza far ricorso al sopralluogo sul posto; tuttavia qualora la Commissione Tecnica Provinciale Materie Esplodenti ritenga comunque necessario visionare il sito, il richiedente dovrà farsi carico delle spese per il suo funzionamento, compreso il trasferimento dei sei componenti della stessa;
  • per le feste pubbliche che comportano una considerevole affluenza di persone e l'utilizzo di un ingente esplosivo (sopra i 40 Kg.) la Commissione Tecnica Provinciale Materie Esplodenti, oltre a valutare la documentazione inoltrata sopra elencata effettuerà obbligatoriamente il sopralluogo le cui spese per il funzionamento ed il trasferimento saranno a carico del richiedente;
  • gli spettacoli pirotecnici, sia a terra che aerei, sono soggetti al rilascio di deroga semplificata ai sensi e con le modalità previste dal Regolamento di attuazione del Piano Classificazione Acustica Comunale, fatta eccezione per le feste e manifestazioni  organizzate direttamente  dall'Amministrazione Comunale. Gli spettacoli debbono quindi aver termine entro le ore 23,30 ed il limite massimo di emissione non deve superare i 70 dB Leq ( A); non si considerano i limiti differenziali.

Normativa di riferimento

- ART. 57  Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza approvate  con  R.D. 18 giugno 1931  n. 773

Riferimenti e contatti

Ufficio
Sport e Attività Ricreative
Responsabile
Cosetta Pruneti
Indirizzo
Via Machiavelli n. 56 - piano secondo - San Casciano in Val di Pesa
Fax
055 8256258
E-mail
c.pruneti@comune.san-casciano-val-di-pesa.fi.it
Orario di apertura
lunedì e giovedì 8.30-12.30 e 16.00-18.30

FEEDBACK

 

Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

 

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *