Descrizione

Il procedimento delle pratiche di autorizzazione ai fini vincolo idrogeologico prevede la verifica amministrativa e la valutazione tecnica a cura del Servizio Urbanistica ed Edilizia che si avvale allo scopo della consulenza di un tecnico abilitato.
I termini del procedimento amministrativo per il rilascio dell'Autorizzazione ai fini del vincolo idrogeologico si concludono entro 60gg dalla data di ricevimento della documentazione completa. Il procedimento amministrativo della Dichiarazione ai fini del vincolo idrogeologico si conclude entro 20gg dalla data di ricevimento della documentazione completa.
Nel caso di parere preventivo, ai fini del vincolo idrogeologico, la realizzazione dei lavori è poi subordinata alla presentazione di idonea pratica edilizia.

Modalità di richiesta

La domanda per il rilascio dell'autorizzazione / dichiarazione ai fini del vincolo idrogeologico, corredata dai documenti, dalle dichiarazioni e dalle altre attestazioni previste dalla vigente normativa di settore, deve essere presentata all'ufficio Protocollo del Comune, in forma cartacea e in duplice copia, nel caso di persona fisica, ovvero in via telematica, tramite PEC, allo Sportello Unico delle Attività Produttive del Comune nel caso di persona giuridica.

Costi

Per la validità dell'istanza, contestualmente alla presentazione della domanda di autorizzazione / dichiarazione ai fini del vincolo idrogeologico, devono essere corrisposti i diritti di segreteria previsti (consulta la scheda specifica).
Il versamento può essere effettuato sul Conto Corrente Postale n. 121509 intestato al Comune di San Casciano V.P. - Tesoreria Comunale –, o direttamente presso la Tesoreria Comunale.

Informazioni

Competenze
Ai sensi della L.R. 21 marzo 2000 n. 39, Legge forestale della Toscana, Sono di competenza della Provincia (Art. 42 c. 4):
1) le autorizzazioni per la trasformazione dei boschi;
2) le trasformazioni di terreni saldi in terreni soggetti a periodica lavorazione;
3) la realizzazione di movimento di terreno o di opere che possano alterare la stabilità dei terreni
4) la regimazione delle acque connesse alle coltivazioni e alla sistemazione idraulico- agraria e idraulico-forestale;
5)la realizzazione delle opere connesse al taglio dei boschi.

Sono invece di competenza dei Comuni (Art. 42 c. 5):
1) le autorizzazioni per la trasformazione d'uso dei terreni per la realizzazione di edifici, manufatti edilizi, opere infrastrutturali ed altre opere costruttive;
2) la realizzazione di ogni opera o movimento di terreno che possa alterare la stabilità dei terreni
3) la regimazione delle acque connesse all'attivazione di scarichi di acque reflue sul suolo o nei primi stati del sottosuolo ovvero in corpi idrici superficiali non significativi.

Normativa di riferimento

- L.R. 21.03. 2000 n. 39 (Legge Forestale della Toscana) e s.m.i.

- D.P.G.R. 08.08.2003 n. 48/R e s.m.i.

- Regolamento comunale per il vincolo idrogeologico approvato con Delibera di Giunta n. 42 del 27/04/2004.

Riferimenti e contatti

Ufficio
Servizio Urbanistica ed Edilizia
Responsabile
Barbara Ronchi
Fax
055 8256332
E-mail
b.ronchi@comune.san-casciano-val-di-pesa.fi.it

FEEDBACK

 

Aiutaci a migliorare!

La tua opinione è molto importante! Se vuoi puoi lasciare un commento alla scheda che stai consultando per aiutarci a migliorare il contenuto delle informazioni. Clicca sul pulsante "Lascia feedback" sotto questo messaggio. Grazie!

 

Lascia il tuo feedback

I campo con * sono obbligatori.

Valutazione *